Donare il sangue

Il Centro di Riferimento Oncologico incoraggia la donazione di sangue ed è sede di donazione. 

Orari per le donazioni

  • Donatori periodici: dal lunedì al venerdì, secondo prenotazione da effettuare tramite Call Center Sanità Friuli Venezia Giulia 0434 223522
  • Aferesi: su appuntamento dal lunedì al venerdì telefonando dalle 11:00 alle 12:00 allo 0434 659380, per plasmapiastrinaferesi delle 8:00 (se idonei), per plasmaferesi tramite Call Center Sanità Friuli Venezia Giulia 0434 223522
  • Nuovi donatori, massimo 2 al giorno: su appuntamento dal lunedì al venerdì tramite Call Center Sanità Friuli Venezia Giulia 0434 223522

Le caratteristiche del donatore

  • Età compresa tra 18 e 65 anni
  • Essere in buona salute
  • Non avere avuto malattie gravi in passato
  • Peso uguale o superiore a 50 kg
  • Non avere effettuato donazioni di sangue negli ultimi 90 giorni
  • Le donne in età fertile possono donare solo 2 volte l'anno
  • Essere a digiuno dalla sera precedente (ma al mattino si possono bere tè o caffè non zuccherati)
  • Non avere avuto malattie infettive negli ultimi 15 giorni e/o assunto antibiotici negli ultimi 15 giorni
  • Non essere stati sottoposti a estrazioni dentarie negli ultimi 7 giorni
  • Non essere stati sottoposti a interventi chirurgici maggiori negli ultimi 4 mesi
  • Non essere in stato di gravidanza o non avere partorito da meno di 12 mesi. Per l'interruzione di gravidanza la sospensione è di 6 mesi

Non avere avuto esposizioni a rischio per malattie trasmissibili come:

  • Tatuaggi negli ultimi 4 mesi
  • Trasfusioni di sangue negli ultimi 4 mesi
  • Viaggio in zone tropicali nei 3 mesi precedenti
  • Malattie infettive: epatite virale
  • Positività per i test della sifilide (TPHA o VDRL), AIDS (anti-HIV), Epatite (HBsAg o anti-HCV)
  • Uso di droghe pesanti (anche se non per via endovenosa)
  • Uso di droghe leggere (hashish o marijuana) nell'ultimo anno
  • Rapporti sessuali a "rischio"
  • Rapporti sessuali, anche protetti, con partner occasionali negli ultimi 4 mesi

Domande frequenti sulla donazione di sangue

Durante le visite mediche effettuate in occasione della donazione ci sentiamo spesso rivolgere alcune domande sui requisiti che bisogna avere per poter diventare donatori e quali precauzioni prendere prima, durante e dopo la donazione. Di seguito sono riportate le domande più frequenti che vengono poste dai donatori durante il colloquio per l'idoneità.

A che età si può donare?

Per potersi candidare alla prima donazione bisogna avere un'età compresa tra 18 e 60 anni. I donatori periodici possono donare fino a 65 anni.

Qual è il peso minimo per donare?

Il peso corporeo del donatore deve essere uguale o superiore a 50 chilogrammi. Tale limite di peso è legato al fatto che, per consentire la produzione di emocomponenti di quantità standard, la legge impone che il volume della donazione sia di 450 millilitri più il 10% con una sottrazione di un volume di sangue non superiore al 14% della massa circolante. Queste precauzioni sono necessarie per evitare reazioni dovute alla brusca diminuzione del volume di sangue nell'organismo, che possono portare anche alla perdita di conoscenza nel donatore. Per garantire sia la produzione di emocomponenti di quantità standard, sia la sicurezza del donatore, nei Paesi dell'Unione Europea si è stabilito che il peso minimo del donatore deve essere di almeno 50 chilogrammi.

Ogni quanto tempo si può donare?

La legge prevede che debbano trascorrere almeno 90 giorni fra una donazione di sangue e l'altra, e che le donne in età fertile possano donare non più di due volte l'anno. Il motivo di un così lungo intervallo tra due donazioni di sangue non è la ricostituzione del sangue bensì la ricostituzione delle scorte di ferro. Il volume di sangue sottratto con la donazione viene infatti ripristinato entro poche ore dalla donazione mediante una rapida ridistribuzione dell'acqua presente nell'organismo, mentre i globuli rossi vengono ricostituiti entro 3-4 settimane.

Il ferro sottratto con la donazione viene rapidamente compensato dalle scorte tissutali di ferro, le quali però richiedono un periodo molto più lungo per essere ripristinate, a causa della limitata capacità di assorbimento del ferro da parte dell'intestino umano.

Per alcuni tipi di donazione, quali la piastrinoaferesi, gli intervalli sono differenti: devono trascorrere almeno 30 giorni tra una donazione di sangue e una piastrinoaferesi e 14 giorni per la sequenza contraria.

L’assunzione di farmaci controindica la donazione?

Dipende dal farmaco. È impossibile fornire in questa sede un elenco completo di tutti i farmaci: pertanto si consiglia di chiedere personalmente a un medico, anche telefonando, se si hanno dubbi in proposito.

Semplificando possiamo affermare che:

  • devono passare 15 giorni dall'ultima assunzione di un antibiotico prima di donare;
  • l'assunzione di antistaminici non controindica la donazione;
  • i farmaci antipertensivi devono essere assunti anche il giorno della donazione, tenendo presente che l'assunzione di beta-bloccanti è una controindicazione relativa alla donazione;
  • l'assunzione occasionale di Aspirina o di altro farmaco contenente acido acetilsalicilico controindica la donazione di piastrine: devono trascorrere almeno 5 giorni dall'ultima assunzione prima di effettuare una piastrinoaferesi;
  • anche gli anticoncezionali orali sono farmaci: è opportuno quindi informare il medico del loro uso, anche se in genere non controindicano la donazione.

Quanto tempo si deve aspettare dopo una vaccinazione?

Sono in genere sufficienti 72 ore di osservazione prima della donazione. Fanno eccezione le vaccinazioni con virus-vaccini vivi o attenuati (anti-febbre gialla, -morbillo, -parotite, -poliomielite) che richiedono 15 giorni, e l'anti-rosolia (28 giorni).

Quanto tempo deve passare dopo essere stati dal dentista?

È sufficiente fare passare almeno 48 ore per le comuni cure odontoiatriche (otturazioni, ablazione del tartaro, cure ortodontiche). In caso di estrazioni dentarie bisogna invece lasciare passare almeno 7 giorni dall'estrazione ed eventualmente 15 giorni dall'ultima assunzione di antibiotici.

Quanto tempo deve passare dopo un intervento chirurgico?

Gli interventi chirurgici maggiori, cioè con prognosi superiore ai 7 giorni, possono esporre il paziente al rischio di contrarre un'infezione ospedaliera. È pertanto necessario sospendere le donazioni per 4 mesi: questa scelta è dovuta al fatto che, fra le malattie infettive trasmissibili, l'epatite è quella con il periodo d'incubazione maggiore, che può durare fino a molti mesi. Per gli accertamenti endoscopici (colonscopia, gastroscopia, rettosigmoidoscopia, artroscopia) è necessario sospendere le donazioni per 4 mesi mentre per gli interventi chirurgici minori, cioè con prognosi sino a 7 giorni, il rischio di infezione è minore e la sospensione è di 1 mese.

Perché dopo il parto bisogna aspettare almeno un anno prima di poter donare e dopo l'interruzione di gravidanza 6 mesi?

La gravidanza innesca complesse modificazioni che solo lentamente ritornano alla normalità dopo il parto. Per questo motivo, unitamente al fatto che durante la gravidanza e l'allattamento si realizza un grande consumo delle riserve di ferro, è necessario sospendere le donazioni per 1 anno.

Anche l'aborto deve essere considerato a tutti gli effetti una gravidanza: in questo caso la legge prevede l'obbligo di attendere almeno 6 mesi prima di candidarsi alla donazione.

Perché non si può donare dopo aver viaggiato in Paesi tropicali negli ultimi 3 mesi?

Questo periodo di attesa è giustificato dal fatto che durante il soggiorno in Paesi tropicali è possibile contrarre malattie infettive, non comuni in Europa, con un prolungato periodo di incubazione e non evidenziabili dagli usuali test di laboratorio.

Perché chi viaggia in zone malariche non può donare per 6 mesi?

La malaria si può trasmettere attraverso la trasfusione di sangue. Non esistono attualmente test di laboratorio di comprovata efficacia, utilizzabili sui donatori di sangue, che permettano di identificare l'infezione da parassita della malaria. Per la legge la sospensione dalla donazione è di 6 mesi.

Perché chi ha fatto un tatuaggio, il piercing, l'agopuntura in ambiente non medico non può donare per 4 mesi?

È noto che queste pratiche non sono esenti dal rischio di infezioni virali, specie se effettuate in ambulatori privi di efficaci controlli sanitari. Sono stati descritti casi di trasmissione di epatite o altre malattie virali: pertanto, in ambito internazionale, è stato deciso di adottare una sospensione dalla donazione per 4 mesi nei soggetti sottoposti a queste procedure.

Perchè i candidati alla donazione che hanno ricevuto delle trasfusioni di sangue negli ultimi 4 mesi non possono donare?

Con la trasfusione di sangue si possono trasmettere i virus dell'AIDS e dell'epatite B e C. Questo accade quando i test di screening, effettuati al momento della donazione, risultano negativi perché il donatore è ancora nella "fase finestra", ossia nel periodo immediatamente successivo al momento del contagio, quando non sono ancora comparsi anticorpi rilevabili ai test. L'esclusione è dovuta anche alla possibilità che, oltre alle malattie virali note, con la trasfusione vengano trasmessi altri virus per i quali non esistono test di screening.

Il donatore periodico che è stato trasfuso e ha eseguito periodicamente controlli che non hanno evidenziato indirettamente infezioni riferibili alla trasfusione (marcatori virali, transaminasi) può essere riammesso alla donazione dopo 4 mesi dalla trasfusione.

Perché i soggetti che in passato hanno avuto l'epatite virale non possono donare?

Esiste la possibilità che manifestazioni come l'ittero, escluso quello del neonato, siano la spia di malattie, come l'epatite a causa ignota, provocate da virus o agenti non identificabili con i test di laboratorio attualmente disponibili, ma trasmissibili con il sangue. Le epatiti di tipo B, anche se contratte in passato, controindicano in modo definitivo la donazione in quanto non è possibile escludere con certezza la concomitanza con altri virus dell'epatite. Per quanto riguarda l'epatite C, l'infezione è molto spesso cronica e asintomatica, e una reale guarigione non può mai essere documentata. La presenza di anticorpi contro il virus dell'epatite C coesiste frequentemente con la presenza del virus stesso, e controindica la donazione di sangue.

Perché i soggetti che in passato hanno avuto la sifilide non possono donare?

L'esclusione dalla donazione di sangue è definitiva in quanto la sifilide è una malattia trasmissibile con il sangue e con i rapporti sessuali ed è tipica delle persone che hanno avuto contatti con persone a rischio non solo per la sifilide ma anche per altre malattie sessualmente trasmesse.

Perché chi fa o ha fatto uso di droghe maggiori (cocaina, eroina, ecstasy ecc.) anche se non per via endovenosa non può donare il sangue?

In numerosi studi epidemiologici effettuati su coloro che fanno o hanno fatto uso di droghe maggiori è stata ampiamente dimostrata un'aumentata incidenza di malattie trasmissibili. L'associazione tra droghe maggiori e aumentata incidenza di malattie trasmissibili è dovuta non solo a trasmissione diretta, come lo scambio di siringhe, ma anche ad altri fattori di rischio (rapporti sessuali a rischio, contatti con portatori).

L'uso di droghe maggiori anche assunte non per via endovenosa controindica la donazione perché, come dimostrato in alcuni studi recenti, queste sostanze possono favorire comportamenti che espongono il donatore al rischio di contrarre malattie infettive. Inoltre numerosi studi hanno dimostrato un'incidenza più elevata d'infezione da virus dell'epatite C in soggetti che hanno fatto uso di cocaina per via inalatoria dovuta all'utilizzo di uno stesso inalatore per l'uso intranasale di cocaina.

Perché le persone che hanno un comportamento sessuale a rischio (rapporti con prostitute, tossicodipendenti, partner sconosciuto o occasionale) non possono donare il sangue?

Analogamente a quanto detto per le trasfusioni di sangue, esiste una fase dell'infezione ("fase finestra") durante la quale non è possibile evidenziare lo stato di salute del portatore con i test di laboratorio di uso comune. I virus implicati non sono solo i virus dell'epatite e dell'AIDS: esiste la possibilità di trasmissione di altri virus non identificabili con i test di laboratorio oggi disponibili.
Durante questa fase, di durata variabile e non sempre nota, è possibile trasmettere infezioni contratte attraverso il rapporto sessuale con soggetti a loro volta portatori di malattie virali.