Collaborazioni scientifiche

Per sviluppare le attività clinico-assistenziali, la ricerca biomedica e l'alta formazione in oncologia secondo i migliori standard, il Centro di Riferimento Oncologico ha costruito una rete di alleanze con centri di ricerca leader a livello mondiale e partecipa alle più importanti organizzazioni di promozione della ricerca e della prevenzione sul cancro.

Alleanza Contro il Cancro (ACC)

Il CRO è uno dei soci fondatori di Alleanza Contro il Cancro (ACC), la più grande organizzazione di ricerca oncologica italiana: fondata nel 2002 per iniziativa del Ministero della Salute, è attualmente formata da 27 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, AIMaC, Italian Sarcoma Group, Fondazione CNAO e l'Istituto Superiore di Sanità, che ne ospita gli uffici.

La missione di ACC è promuovere la rete tra centri oncologici con finalità di ricerca primariamente clinica e traslazionale per "portare al letto del paziente" le innovazioni diagnostiche e le più avanzate procedure terapeutiche.

Le tre aree di interesse primario in cui ACC opera sono:

  • Ricerca di base e clinica oncologica
  • Diagnosi e terapia dei tumori
  • Istruzione e informazione in oncologia

Con il contributo di ACC sono state progettate le reti di telepatologia e dei tumori rari, la ricerca di indice della qualità della vita del paziente oncologico e la caratterizzazione molecolare del tumore.

ACC può attingere a fondi di ricerca nazionali/internazionali e collaborare allo sviluppo dei risultati della ricerca di implementazione nella clinica (allo stadio iniziale o avanzato), con possibilità di co-sviluppare farmaci oncologici o procedure diagnostiche.

Inoltre, per promuovere le migliori terapie oncologiche, subito dopo aver incorporato un'associazione di pazienti, ACC ha realizzato il Servizio Informazioni Oncologico Nazionale (SION), triangolazione tra ricerca, cura e pazienti. Un modello ora promosso dall'Unione Europea e, perciò, noto anche a livello internazionale.

Organization of the European Cancer Institutes (OECI)

Il CRO condivide la mission e fa parte dell'Organization of the European Cancer Institutes. L'organizzazione unisce molti centri europei di ricerca e cura del cancro, che collaborano per l'elaborazione di migliori modelli di oncologia.
Persegue tre obiettivi:

  • aumentare la conoscenza sul cancro;
  • ridurre la frammentazione di conoscenze e competenze fra i suoi membri;
  • aumentare la competitività della ricerca.

Lo scopo finale è scoprire nuovi e migliori trattamenti, mettere a disposizione cure complete e migliorare la qualità di vita dei pazienti attraverso una medicina fondata su prove scientifiche e con un approccio interdisciplinare.
Per realizzare questo obiettivo, l'OECI persegue alcune attività strategiche che intendono:

  • sviluppare una visione condivisa dell'eccellenza in oncologia che sia multidisciplinare e integrata;
  • sviluppare una collaborazione e strumenti di gestione che facilitino l'interazione fra i membri istituzionali;
  • promuovere l'accumulo e lo scambio di conoscenze in oncologia fra i membri;
  • unire le competenze che le istituzioni europee e altri enti pubblici possono regolarmente mettere in campo per indirizzare la ricerca sul cancro e i problemi di gestione della cura;
  • agire da agenzia di sensibilizzazione nell'Unione Europea e in altre istituzioni nazionali;
  • contribuire a stabilire una visione comune della ricerca in oncologia nell'ambito dell'Unione Europea.

Union International Contre le Cancer (UICC)

Fin dalla sua fondazione, il CRO è membro dell'Union International Contre le Cancer, la principale organizzazione non-governativa internazionale, no-profit, apolitica e non confessionale che si dedica alla prevenzione globale del cancro.

La UICC agisce per connettere organizzazioni, esperti, volontari e finanziatori in una comunità dinamica che collabori per combattere il cancro. È stata fondata nel 1933, ha sede a Ginevra e unisce oltre 300 organizzazioni specializzate e impegnate nel controllo del cancro in oltre 100 nazioni nel mondo.

La UICC svolge attività di:

  • informazione pubblica e di servizi per i pazienti dell'Europa Centrale e Orientale e dell'America Latina;
  • educazione sanitaria per medici, clinici, ricercatori attraverso i progetti ICRETT;
  • ricerca sul tema della correlazione fra tabacco e cancro, del trattamento del carcinoma della mammella, della cervice, della testa e del collo e del nasofaringe.

George Mason University (Virginia, USA)

Il CRO ha firmato un accordo di convenzione la George Mason University, università pubblica di Manassas, Virginia. Presso la George Mason University è attivo il Center for Applied Proteomics and Molecular Medecine, diretto da Lance Liotta e Emanuel Petricoin, due fra i maggiori ricercatori nel campo della proteomica applicata all'oncologia.

L'accordo è inserito all'interno del Programma Italia-USA dell'Istituto Superiore di Sanità sulla sieroproteomica in oncologia.

La collaborazione tra il CRO e la George Mason University è finalizzata allo sviluppo di tecnologie innovative per la diagnosi precoce dei tumori e la personalizzazione dei trattamenti nei pazienti oncologici.

Un altro settore di ricerca sviluppato in collaborazione con la George Mason University è relativo alla fosfoproteomica, con la quale si intende identificare fattori molecolari associati alla probabilità di risposta al trattamento chemio-radioterapico in diversi tipi di tumore. Questo permetterebbe un trattamento personalizzato che comporterebbe maggiore efficacia nelle terapie e minori effetti collaterali dovuti a trattamenti non necessari.

Princess Margaret Hospital (Toronto, Canada)

Il Princess Margaret Hospital (PMH) è il maggiore centro oncologico del Canada e una delle principali strutture al mondo per la cura del cancro e fa parte della University Health Network, rete di ospedali e università che si occupa di cura, ricerca e formazione del personale medico e scientifico.

La collaborazione tra CRO e PMH prevede un programma pluriennale di scambio medico-scientifico nell’ambito delle cure avanzate, in particolare nelle nuove tecniche radioterapiche, dei protocolli clinici, nei programmi di formazione del personale biomedico e nello sviluppo di programmi condivisi di e-Medicine.

L'accordo è finalizzato a:

  • scambiare informazioni sulla cura dei pazienti e su programmi accademici;
  • promuovere l'applicazione di tecniche radioterapiche di precisione;
  • condividere le informazioni sulle best practice nella ricerca clinica;
  • supportare l'innovazione nei programmi di Patient Education;
  • promuovere iniziative di e-medicine.

Sidney Kimmel Cancer Center (Pennsylvania, USA)

Il Sidney Kimmel Cancer Center della Thomas Jefferson University di Philadelphia è un prestigioso centro di ricerca statunitense, che condivide con il CRO un approccio integrato e multidisciplinare alla ricerca sul cancro.

La cooperazione fra i due Istituti è basata sullo scambio reciproco di studenti e personale, oltre che sullo sviluppo di programmi comuni di ricerca.

Ministerul Sănătății (Romania)

Il CRO è consulente del Ministero della Salute della Romania per lo sviluppo, nel loro Paese, di un programma di screening per la prevenzione dei tumori al seno, del colon-retto e della cervice uterina.